/

Gli Usa permetteranno l'estradizione dell'ex presidente Toledo

La corte di San Francisco ha pronunciato ieri la sentenza intorno al processo per l'estradizione dell'ex presidente peruviano Alejandro Toledo, detenuto due anni fa con l'accusa di corruzione. “La Corte ha considerato le prove dell'esistenza di un atto criminale e le considera sufficienti per sostenere le accuse di cospirazione e riciclaggio”, ha scritto nella sentenza il giudice del tribunale del distretto nord della California, Thomas Hixson.

Toledo, 75enne e residente negli Usa da diversi anni, è accusato di aver ricevuto 35 milioni di dollari durante il proprio mandato (2001-2006) per favorire gli interessi della multinazionale brasiliana Odebrecht nelle gare d'appalto per la costruzione di infrastrutture in Perù. Secondo il trattato di estradizione tra i due paesi, approvato due giorni prima che entrasse in carica il governo di Toledo, spetta ora al Segretario di Stato Usa, Anthony Blinken, dare la sua approvazione per il trasferimento dell'ex presidente in patria.

Questo articolo è disponibile anche in: ES