/

Borse in rialzo dopo la sconfitta della coalizione di governo alle primarie di domenica

I mercati finanziari argentini hanno reagito positivamente dopo la dura sconfitta ricevuta dalla coalizione di governo alle primarie in vista delle legislative del 14 novembre. L'indice Merval della Borsa di Buenos Aires ha accumulato un aumento del 5,5% nelle prime ore di ieri, tornando a livelli di marzo del 2020. Alcune azioni delle aziende argentine all'estero hanno toccato quota +15%, e il Country Risk ha perso 100 punti rispetto a settimana scorsa.

La reazione dei mercati è dovuta al messaggio lanciato dalla cittadinanza alle Primarie Aperte Simultanee ed Obbligatorie (Paso) celebrate domenica scorsa. Dal 2009 tutti i partiti e coalizioni che voglio presentarsi alle elezioni, devono prima superare lo sbarramento dell'1,5% dei voti espressi alle primarie, che hanno carattere obbligatorio per tutti gli aventi diritto. Sebbene il progetto originale prevedeva che le liste risolvessero anche l'ordine dei candidati col voto delle Paso, pochissime coalizioni sottomettono queste scelte al voto, e le primarie sono diventate una prova generale in vista delle elezioni.

Questa domenica la coalizione che sostiene il presidente Alberto Fernandez ha perso per quasi 10 punti di differenza contro il centrodestra dell'ex presidente Maurucio Macri, La sconfitta è stata particolarmente dura nelle circoscrizioni considerate roccaforti elettorali del peronismo, come la provincia di Buenos Aires. “Sicuramente abbiamo sbagliato qualcosa perchè la gente non ci ha accompagnati”, ha sostenuto Fernandez in serata, e ha assicurato di aver “ascoltato attentamente” il messaggio delle urne.

Questo articolo è disponibile anche in: ES