/

Persa traccia di 16 donne al giorno nella prima metà del 2021

Il difensore civile del Perù ha pubblicato un nuovo rapporto sui casi di sparizione di donne, adolescenti e bambine nel paese. Tra gennaio e luglio del 2021, sono state lanciate 3.425 segnalazioni, un aumento del 16% rispetto allo stesso periodo del 2020. La grande maggioranza dei casi, 2.182, corrispondono a minorenni.

“Ciò significa che la problematica si sta aggravando e che occorre garantire un trattamento adeguato delle denunce e una ricerca efficace che garantisca l'integrità delle vittime”, segnala il documento. “Occorre ricordare che, in caso di scomparsa, lo Stato deve rispettare la dovuta diligenza, rafforzata nel caso di bambine e adolescenti, attraverso un intervento tempestivo e azioni minime di ricerca con una prospettiva di genere. Questa azione deve essere rapida e immediata per individuare le vittime, è quindi essenziale che vi siano processi adeguati di ricezione della denuncia e azioni di ricerca che consentano l'indagine sin dalle prime ore della scomparsa, presumendo che le persone siano ancora vive”, si sottolinea. Nello stesso periodo sono stati denunciati 92 femminicidi e 79 tentativi di femminicidio in tutto il Perú.

 

Questo articolo è disponibile anche in: ES

Federico Larsen