/

Piano Condor: dall'Italia arrivano le prime sentenze definitive

La giustizia italiana ha confermato ieri la condanna all'ergastolo per il colonnello Rafael Francisco Ahumada Valderrama, il sottoufficiale Orlando Vasquez Moreno e il brigadiere Manuel Vasquez Chahuan, colpevoli della sparizione e omicidio di due italo cileni, Juan Josè Montiglio e Omar Venturelli, dopo il colpo di stato militare dell'11 settembre 1973 in Cile. I tre militari erano stati condannati dalla Corte d'Appello di Roma nel luglio del 2019, e ieri è stata confermata la sentenza non essendo pervenuta alcuna comunicazione dall'avvocato dei condannati, Valentina Perrone.

Juan Josè Montiglio era uno studente di biologia proveniente da una famiglia di origini piemontesi. Formava parte del gruppo di guardie del corpo del presidente Salvador Allende, ucciso durante l'assalto al Palacio de la Moneda che sancì il rovesciamento del primo governo socialista giunto al potere per la via elettorale in America Latina. Montiglio fu estratto vivo dalle macerie, torturato e fucilato dai militari cileni. 

Omar Venturelli era invece un ex sacerdote impegnato nella lotta del popolo Mapuce nel sud del Cile, e proprio per questo sospeso dalla funzione sacerdotale. Dopo essersi sposato e aver cambiato vita, decise di costituirsi dopo aver trovato il proprio nome in una lista di ricercati dalle autorità militare e da allora risulta desaparecido.

La sentenza di ieri è in realtà la prima contro i 24 militari sudamericani condannati l'anno scorso nell'ambito del maxiprocesso “Condor”. Il prossimo 8 luglio si terrà l'udienza di Cassazione in cui la Corte dovrà pronunciarsi sul ricorso presentato dagli altri 21 ex militari sudamericani accusati di aver fatto sparire 23 cittadini italiani in Bolivia, Cile e Uruguay. Si tratta di azioni portate avanti nel contesto del Plan Condor, un accordo favorito dal governo degli Stati Uniti per permettere alle dittature militari del Sudamerica di portare avanti operazioni illegali contro i propri oppositori anche nel territorio di altri paesi coinvolti nel patto.

Questo articolo è disponibile anche in: ES