/

Ministro dell'economia Guzman a Roma per discutere di investimenti e debito

Il ministro dell'economia argentino Martín Guzman è arrivato ieri a Roma, seconda tappa del viaggio che lo porterà a visitare diversi leader europei alla ricerca di appoggio nella negoziazione del debito con il Fondo Monetario Internazionale e nuovi investimenti. Nella sede dell'ambasciata argentina a Roma ha incontrato i rappresentanti delle principali aziende italiane che mantengono investimenti in Argentina, particolarmente interessate ai settori dell'energia e le infrastrutture

Erano presenti all'incontro i rappresentanti di Ghella, Pirelli, Leonardo, Ferrovie dello Stato, Enel, Eni, CMC Ravenna, Webuild e Terna. Tra le preoccupazioni espresse dagli imprenditori italiani si trovano la stabilità economica a medio termine, e le regolazioni imposte al flusso internazionale di capitali. “L'Argentina vuole regole macro prudenti, basate in uno schema di incoraggiamento degli investimenti reali e disincentivi i comportamenti speculativi di breve termine che hanno fatto molto male al paese dal 2018”, ha spiegato il ministro.

Nel pomeriggio Guzman si è riunito col ministro dell'Economia e delle finanze Daniele Franco, col quale ha dibattuto la strategia del paese per il pagamento del debito con il Fmi e col Club di Parigi, che riunisce i governi europei creditori dei paesi in via di sviluppo. Dopo aver visitato Berlino lo scorso fine settimana, Guzmán è atteso a Parigi e Madrid, dove cercherà appoggio dei rispettivi governi europei per ottenere condizioni favorevoli nelle trattative sul debito. Un obiettivo simile lo ha portato anche a visitare in Vaticano il proprio connazionale Papa Francesco, da cui Buenos Aires spera certo sostegno nella propria politica su distribuzione internazionale dei vaccini, debito dei paesi emergenti e cooperazione allo sviluppo.

Questo articolo è disponibile anche in: ES