/

In onda con la mascherina: la TV argentina in campo contro la nuova ondata

Le principali emittenti TV argentine si sono unite questa settimana alla campagna Barbijos En La TV, per incentivare l'uso di mascherine nei luoghi pubblici e posti di lavoro. Conduttori, tecnici e ospiti di fronte alle telecamere di quasi tutti i canali nazionali indosseranno la mascherina in onda durante tutta la durata delle emissioni dal vivo.

L'iniziativa é stata lanciata attraverso i social e ripresa subito dalla direzione nazionale dei mezzi pubblici d'informazione, che sono stati i primi a far apparire i propri conduttori protetti da mascherine davanti alle telecamere. A diffondere i timori per la salute dei lavoratori dei media, ha contribuito l'inattesa morte del famosissimo conduttore televisivo Mauro Viale, deceduto domenica sera a 73 anni dopo esser stato ricoverato con Covid. Altre star televisive e della radio sono tutt'ora sotto osservazione.

Da settimana scorsa l'Argentina sta vivendo una violentissima seconda ondata di contagi, con una media superiore ai 20.000 casi giornalieri negli ultimi sette giorni. La provincia di Buenos Aires, la più popolosa del paese, é ormai al limite della capienza ospedaliera, e le autorità sanitarie sono particolarmente preoccupate per il calo dell'età media dei pazienti ricoverati in terapia intensiva durante gli ultimi 15 giorni.

Questo articolo è disponibile anche in: ES