/

Anche Panama si affida allo Sputnik V

Anche Panama, ultima di una lunga serie di nazioni in tutto il mondo, ha autorizzato l'uso di emergenza del vaccino russo Sputnik V che ormai si è rivelato altamente efficace contro il Covid-19, eliminando addirittura al cento per cento il rischio di contrarre una forma letale del morbo. Le autorità panamensi a febbraio hanno chiesto tre milioni di dosi del vaccino prodotto in Russia, che ora potrebbero aiutare a far ripartire la campagna d’immunizzazione nel paese. Panama infatti ha ricevuto solo 457mila dosi dei tre milioni attesi da Pfizer-BioNTech. Il paese sta ancora aspettando almeno un milione di dosi di AstraZeneca e una quantità simile assegnate attraverso l'accordo Covax. Fino ad oggi, lo stato centroamericano è riuscito a somministrare appena 373.491 dosi di vaccino. L’incremento della campagna vaccinale appare più che mai urgente visti i segnali preoccupanti che giungono dalle Americhe, soprattutto a causa della propagazione dei ceppi mutati. Nel tentativo di arginare i contagi, il Cile chiuderà i suoi confini per tutto il mese di aprile, la Bolivia per almeno una settimana con il vicino brasiliano e il Perù andrà in lockdown per il lungo weekend di Pasqua.

Questo articolo è disponibile anche in: ES