/

Yaku Perez non appoggerà Lasso e lancia la mobilitazione nazionale

Il candidato a presidente dell'Ecuador per il partito indigenista Pachakutik ha annunciato in conferenza stampa che non appoggerà in alcun modo il banchiere Guillermo Lasso in un virtuale ballottaggio contro Andres Arauz, e ha lanciato una mobilitazione nazionale contro quello che definisce come un broglio elettorale contro il suo partito. Secondo il Consiglio Nazionale Elettorale, Perez sarebbe arrivato terzo alle elezioni del 7 febbraio scorso, rimanendo così fuori dal secondo turno previsto per l'11 aprile per solo 30.000 voti. A sfidare il candidato di centro sinistra Arauz sarà dunque Guillermo Lasso, che negli ultimi giorni si è ritirato dall'accordo raggiunto con Perez per ricontare i voti di 16 delle 24 provincie del paese e risolvere così l'incognita intorno al risultato definitivo.

Perez ha anche lanciato una grande mobilitazione indigena nazionale, che arriverà a Quito il prossimo 23 febbraio. L'ultima volta che i movimenti indigeni hanno marciato verso la capitale è stato nell'ottobre 2019, quando il governo dovette addirittura dichiarare lo stato d'assedio, trasferire la propria sede a Guayaquil e imporre il coprifuoco in tutto il paese durante settimane per far tornare certa normalità.

Questo articolo è disponibile anche in: ES