/

A tavola con il Guatemala, le grandi opportunità commerciali

“L’Italia è un mercato di grandi opportunità per i prodotti guatemaltechi”. Lo ha dichiarato l’ambasciatore del Guatemala in Italia, in occasione della presentazione del report “Profilo Economico, Commerciale e Turistico tra Guatemala e Italia”: un evento virtuale, questo, che si è prestato anche all’inaugurazione ufficiale della campagna di comunicazione "A tavola con il Guatemala", con cui la delegazione diplomatica intende dare una spinta all'export di prodotti guatemaltechi in Italia. Sulla scorta dei dati analizzati, tra il 2015 e il 2019, lo scambio commerciale tra Guatemala e Italia è risultato essere in continua crescita, in particolar modo le esportazioni, che hanno registrato un incremento del 12% negli ultimi due anni. È proprio In questo contesto che si inserisce il report, il quale, come spiega l’ambasciatore Carranza, “ha esplorato le particolarità del mercato italiano e individuato quei settori in crescita alla ricerca di un modo per integrare l'offerta esportabile del Paese con la particolare domanda dell'Italia”.

 

Questo studio fa parte delle attività di diplomazia commerciale ed ha lo scopo di supportare gli sforzi di internazionalizzazione delle aziende guatemalteche, oltre a promuovere le esportazioni, attrarre investimenti e posizionare il Paese centroamericano come destinazione turistica. Dall’analisi emerge, infatti, la ricerca di nuove opportunità di business in settori produttivi non tradizionali. A fianco del tradizionale settore alimentare, con l’olio di palma, caffè, frutta e rum quali beni maggiormente importati dal Guatemala, sono stati individuati ulteriori prodotti, quali frutta secca, erbe aromatiche e spezie, manufatti in pelle, macchine e dispositivi meccanici, carta e cartone, e servizi ritenuti strategici, come ad esempio il settore turistico e quello della ristorazione. Con riferimento a quest’ultima, nel report è menzionata un’indagine di comportamento dei consumatori, la quale ha evidenziato un aumento della spesa delle famiglie italiane in prodotti pronti e una maggiore propensione al consumo di cibi nei ristoranti. Paralleli a questi dati sono il calo di interesse per la cucina cinese e asiatica in generale e l’aumento per quella latinoamericana e africana, avanzando così la possibilità per i prodotti guatemaltechi di inserirsi nel settore della ristorazione e dei prodotti pronti al consumo. Dalla stessa indagine è emersa una crescente attenzione del consumatore italiano all’etichettatura dei prodotti, alle loro certificazioni, al processo di produzione e ai loro valori nutrizionali che, se rispondono a determinati standard, sono intesi come sinonimi di qualità e di rispetto per l’ambiente e per la salute. Il report ha inoltre analizzato le varie strategie di promozione commerciale dei prodotti guatemaltechi: l’uso di canali tipici come le piattaforme digitali, strategie di marketing e partecipazione a fiere ed eventi di settore, si combina con un’attenta analisi delle tendenze e degli interessi dei consumatori, con percorsi di educazione al prodotto e, da ultimo, con il monitoraggio del quadro normativo italiano per facilitare l’ingresso dei prodotti guatemaltechi.

Questo articolo è disponibile anche in: ES