/

La Lamborghini potrebbe "sbarcare" in Patagonia

Il sindaco della città argentina di Puerto Madryn, Gustavo Sastre, ha sostenuto una riunione virtuale col presidente di Automóviles Lamborghini Latinoamérica SpA, Jorge Antonio Fernández García, nella quale si è discusso l'interesse dell'azienda automobilistica italiana di investire nella produzione di componenti automobilistici in quella regione costiera della Patagonia argentina.

“Durante l'incontro, abbiamo potuto conoscere in profondità le diverse aree con cui conta il marchio, quali sono le sue principali potenzialità e quale l'obiettivo di sviluppo in Argentina”, ha spiegato il sindaco della seconda città più popolosa della provincia di Chubut. “In questo contesto, ci hanno spiegato che vorrebbero stabilirsi in diversi punti del paese, includendo zone turistiche dove si farà particolarmente leva sullo sviluppo tecnologico, educativo, sociale, economico e produttivo”.

La viabilità del progetto però non è del tutto chiara. L'imprenditore messicano Jorge Antonio Fernández García ha ottenuto i diritti di uso del marchio Lamborghini Latinoamérica nel 1994, quando l'azienda di origini bolognesi era ancora parte di Chrysler. Con il passaggio a Volkswagen, la casa matrice ha cercato di sottrarre a Fernández García il controllo della filiale latinoamericana di Lamborghini, contenzioso ancora irrisolto nonostante una sentenza favorevole al messicano da parte di un tribunale argentino nel marzo scorso.

Questo articolo è disponibile anche in: ES