/

La forza tranquilla che ha trasformato l'Uruguay

E’ morto Tabaré Vázquez. Il leader della sinistra uruguyana, due volte Presidente del paese, Sindaco di Montevideo negli anni ‘90, oncologo e ricercatore, ha cambiato il paesito con un approccio pragmatico e riformatore. Un modello per la sinistra latinoamericana la sua alleanza di governo dai democristiani agli ex guerriglieri Tupamaros, nella formula del Frente Amplio.

È la storia che vi racconto nel podcast ‘Tabaré’ che trovate gratuitamente su tutte le piattaforme, grazie alla collaborazione con Radio Comunitaria. Per chi segue Plaza Dignidad da un po’, c’è una novità: da oggi, alla newsletter verrà affiancato anche un podcast ‘TransAmerica - grandi storie ed approfondimenti dal Rio Grande a Capo Horn’. La puntata è il primo passo di questo nuovo esperimento per raccontare l’America Latina.

TransAmerica
By Federico Nastasi
Podcast

Per il podcast ‘Tabaré’, ho intervistato Donato Di Santo, già sottosegretario Affari Esteri, che ha conosciuto Tabaré Vázquez sindaco di Montevideo, durante il ciclo dei sindaci progressisti in America Latina.

“Il Frente Amplio deve dimostrare, e a Montevideo lo sta già dimostrando, che vuole e sa governare. E che governare implica fare delle scelte e noi abbiamo scelto i più bisognosi e la parte più debole della società. Deve dimostrare che etica e politica sono compatibili...Se il Frente Amplio non saprà dimostrare tutto ciò e creare un progetto credibile continuerà ad essere una sinistra testimoniale, che addobberà l’albero di Natale ma che non riuscirà mai a cambiare l’albero” Tabaré Vázquez intervistato da Di Santo per il libro ‘Rivoluzione addio’, gennaio 1993 (insieme nella foto in basso).

Tabaré Vazquez si è spento lo scorso 6 dicembre a ottant’anni. Gli uomini e le donne dell’Uruguay si sono riversati in strada per l’ultimo saluto, il settimanale Brecha ha raccolto alcune foto dell’addio. Tra queste, una dedica racchiude la relazione di questo uomo mite e determinato con il suo popolo: ‘Una maestra, grata di aver vissuto mentre eri presidente’.

(Hanno collaborato: Donato Di Santo (già sottosegretario Affari Esteri); Matilde Vigna (attrice); Radio Comunitaria).

Questo articolo è disponibile anche in: ES

Federico Nastasi