/

Kenji Fujimori imputato per corruzione e il suo partito rischia la sospensione

Kenji Fujimori, leader del partito Fuerza Popular, sarà processato per aver cercato di corrompere tre colleghi nel dicembre del 2017 affinché votassero contro la sfiducia al governo di Pedro Pablo Kuczynski, ottenendo in cambio l'indulto per suo padre, l'ex presidente Alberto Fujimori condannato a 25 anni di carcere per delitti contro l'umanità. Insieme a lui saranno processati anche gli ex deputati Bienvenido Ramírez e Guillermo Bocángel. L'accusa è di traffico di influenze e intralcio alla giustizia, per i quali la procura ha chiesto una pena di 12 anni di carcere.

La ricostruzione della vicenda

I fatti risalgono al periodo in cui Kuczynski affrontava una mozione di sfiducia dopo aver perso l'appoggio parlamentare a causa di uno scandalo di corruzione. Promise dunque ai Fujimori un indulto all'ottantaduenne leader della destra peruviana a cambio dei voti necessari per evitare la caduta del governo. Fuerza Popular, secondo quanto ricostruito dalla procura, dovette però promettere cariche pubbliche e l'assegnazione di appalti a tre deputati dell'opposizione per salvare il presidente. Kuczynski si salvò e concesse l'indulto a Fujimori durante la vigilia di natale del 2017. Il presidente però non raccolse i consensi per superare una seconda mozione di sfiducia a marzo, e rinunciò prima del voto all'Assemblea Nazionale. Venne sostituito dal suo vice, Martín Vizcarra. Nell'ottobre del 2018, la corte costituzionale revocò l'indulto a Fujimori.

I guai giudiziari dei leader di Fuerza Popular non finiscono qui. Dopo l'arresto di Keiko Fujimori, sorella di Kenji e candidata a presidente nel 2011 e 2016, la magistratura ha aperto un'indagine che potrebbe concludersi in questi giorni con la sospensione per 30 mesi dello status giuridico del partito coinvolto nella vicenda Odebrecht, la multinazionale brasiliana che ha ammesso di aver pagato tangenti miliardarie in tutta l'America Latina per ottenere appalti pubblici. Nel caso in cui la giustizia confermi la decisione, il fujimorismo potrebbe vedere impedita la propria candidatura alle prossime elezioni, previste per l'aprile del 2021

Questo articolo è disponibile anche in: ES