/  /

Dopo sette mesi riaprono le scuole a L’Avana

Circa 200.000 studenti delle scuole elementari e superiori sono tornati in aula questo lunedì nella capitale cubana, dopo sette mesi di sospensione dei corsi a causa del Covid-19. Il governo ha stabilito misure sanitarie straordinarie, come l'uso obbligatorio della mascherina in aula e il rafforzamento delle precauzioni igieniche, ma la drastica diminuzione dei casi in città ha permesso la riapertura dei 1.209 centri educativi.

A differenza del resto del territorio, le cinque settimane di lezione che rimangono fino al 7 dicembre a L’Avana saranno dedicate alla conclusione dei contenuti dell'anno scolastico 2019/2020, e solo a gennaio si darà inizio al nuovo ciclo. Nella maggior parte dell'isola le scuole avevano ripreso le attività a settembre, con la diminuzione dei contagi, che però non si era registrata nella capitale, vero epicentro della malattia a Cuba. Dall'inizio della pandemia il paese ha registrato solo 6.970 casi e 129 morti, per una popolazione totale che supera gli 11 milioni di abitanti. Negli ultimi dieci giorni però non erano stati notificati nuovi casi, situazione che ha permesso l'apertura di nuove attività a L’Avana tra cui le scuole.

Questo articolo è disponibile anche in: ES