/

Scomparse 8 donne al giorno durante la pandemia

Il difensore civico nazionale del Perù ha pubblicato i dati aggiornati intorno al registro di donne e bambine scomparse a livello nazionale nel 2020. Secondo il rapporto, sono 915 le donne scomparse tra il 16 marzo, giorno in cui sono entrate in vigore le misure di isolamento per affrontare il coronavirus, e il 30 giugno, quando il paese è entrato in una nuova fase.

Da gennaio a settembre sono state presentate invece 4.052 denunce di donne e bambine scomparse, praticamente una ogni 90 minuti. Di esse, 2.894 corrispondono a bambine ed adolescenti. In alcune regioni selvatiche o amazzoniche, l'indice di minorenni scomparse è addirittura duplicato rispetto a gennaio. Un flagello che in Perù è di per sé già molto grave ma che le condizioni della pandemia ha aumentato. Nel 2019 sono stati registrati 2.232 casi di sparizione e 166 femminicidi.

Lo scorse 6 agosto il primo ministro Walter Martos aveva promesso durante il suo discorso di insediamento la creazione del Sistema di Ricerca Nazionale specializzato in questo tipo di casi, in cantiere in realtà da 17 anni ma mai messo in moto. Le associazioni di vittime e familiari, ne chiedono ora l'immediata esecuzione.

Questo articolo è disponibile anche in: ES