/  /

Sud America piegato dal tasso di letalità

Quasi tutti i paesi latinoamericani continuano a presentare bilanci quotidiani drammatici, nonostante i tentativi di diverse autorità sanitarie di mettere in evidenza il “bicchiere mezzo pieno” ovvero più che i tassi di contagi e di letalità, quelli dei recuperi, ovvero dei pazienti ex-Covid tornati negativi ai test. Si tratta però di un argomento tutto da verificare da parte della stessa scienza medica, in quando si sa ancora davvero troppo poco su quali siano gli effetti collaterali di un’infezione da Sars-CoV-2 per utilizzare con leggerezza la parola “guarigione”. Sono comunque ancora una volta i numeri, nella loro crudezza, a dare il quadro più concreto della situazione. In questo caso, si tratta dei dati della letalità del morbo che vedono in testa alla tragica classifica il Perù, con 1.019 vittime per milione di abitanti seguito dal Belgio con 879. Dal terzo al quinto posto tre paesi sudamericani: Bolivia (711), Brasile (696) e Cile (689). Ben altri cinque paesi latinoamericani (per un totale di nove) figurano ancora nella top-20: Ecuador (ottavo, con 678 morti ogni milione di abitanti), Messico (11esimo, 625), Panama (14esimo, 577), Colombia (15esmo, 534) e Argentina (17esimo, 467).Syd

Questo articolo è disponibile anche in: ES