/

Migranti denunciano sterilizzazioni forzate al confine con gli Usa

Il ministero degli esteri del Messico ha aperto un'indagine a partire da una denuncia realizzata dalla Ong statunitense South Project, secondo cui 17 donne sarebbero state sterilizzate contro la loro volontà nel centro per migranti di Irwin, in Georgia. Sei delle vittime sono messicane, e il ministro Marcelo Ebrard ha lanciato già un'allerta a tutti i consolati messicani negli Usa per raccogliere le informazioni necessarie a chiarire la questione.

La congressista del Partito Democratico, Pramila Jayapal, ha presentato la denuncia nel congresso settimana scorsa, a partire dalla testimonianza di Dawn Wooten, una delle infermiere che lavorano nel centro di accoglienza sul confine. Alle vittime sarebbe stato asportato l'utero, senza che venissero informate del procedimento. Il governo messicano ha dichiarato di aver già raccolto le testimonianze di sei donne, e che in base ai riscontri del proprio servizio estero presenterà i risultati e una denuncia internazionale se i fatti vengono confermati.

Questo articolo è disponibile anche in: ES