/

A Rio tutti in spiaggia nonostante i contagi

In Brasile, nello Stato di Rio (che se fosse una nazione a sé sarebbe in tredicesima posizione a livello mondiale come numero di morti da Covid, alle spalle della Russia), a rendere ancora più complicata la gestione della pandemia ci si è messo anche il bel tempo: la massa d'aria polare dello scorso fine settimana ha infatti lasciato il posto al sole e al caldo che ieri hanno riportato la colonnina di mercurio a sfiorare i 30 gradi, mandando in fumo ogni norma di distanziamento sociale: le spiagge che il lungomare sono stati presi d’assalto da migliaia di persone e più in generale tutta Rio de Janeiro ha vissuto una domenica super-affollata.

A Ipanema, nella zona sud, si è di fatto tornati all’estate, con gli ombrelloni che occupavano l'intera striscia di sabbia. Eppure, in base alle norme attualmente imposte dalla città di Rio, che ai primi di agosto è entrata nella "fase 5" del programma di allentamento dell'isolamento sociale, è consentita la balneazione in mare, nonché la pratica di esercizi fisici sui marciapiedi ma lo stazionamento sulla sabbia, con o senza ombrellone, è tuttora vietato.