/  /

Covid-19, il Messico balza verso il terzo posto

Continua in maniera apparentemente inarrestabile la marcia macabra della pandemia da Covid-19 nel mondo. Le aree maggiormente impattate dal morbo si confermano essere quella delle Americhe e dell’Asia meridionale. In particolare l’America Latina, che da domenica scorsa ha strappato a quella del nord la poco invidiabile palma di regione del mondo più pesantemente colpita dalla SARS-CoV-2, continua a far registrare numeri drammatici. Fa notizia il dato del Messico, che con i 639 ulteriori decessi delle ultime 24 ore, si porta alla quota di 46mila vittime, insidiando il terzo posto a livello mondiale della Gran Bretagna, con 46.084. Secondo alcune fonti indipendenti, il paese centroamericano avrebbe in realtà già superato tale triste traguardo. Non ci sono invece dubbi sull’identità dei primi due paesi in questa agghiacciante classifica: si tratta infatti degli Stati Uniti e del Brasile. Gli Usa per il terzo giorno consecutivo hanno superato la soglia dei 1.200 decessi nelle 24 ore: l’ultimo bollettino parla infatti di 1.379 decessi, che portano il totale dall’apparizione del morbo a 152.055, mentre il Brasile con le 1.129 vittime registrate ieri supera quota 91mila decessi, per la precisione 91.263.

Tornando al Messico, nell’evidenziare gli ultimi dati della progressione del virus ci sono comunque da sottolineare due aspetti: il primo è che la mortalità in rapporto alla popolazione totale resta meno elevato rispetto alla Gran Bretagna, per la quale questo valore è di 677,59 decessi per milione di abitanti contro i 351,82 della nazione sudamericana. Il secondo aspetto rilevante è che al momento la progressione della malattia appare estremamente violenta nel paese sudamericano mentre le autorità di Londra si trovano ad affrontare una emergenza che ormai appare molto meno grave di quella delle fasi iniziali. A sottolineare il fatto che il nuovo coronavirus sia ancora in fase montante in Messico sono i dati dell’ultimo bollettino, reso noto quando in Italia era ancora notte, che parlano di 7.730 nuove infezioni, per un totale ormai giunto a 416.179. Si tratta in questo caso del sesto posto a livello mondiale, sotto Stati Uniti, Brasile, India, Russia e Sudafrica: si tratta di una classifica che vene la Gran Bretagna al nono posto con 303.910 contagi accertati.

Questo articolo è disponibile anche in: ES