/  /  /

"La Signora stordita", una favola a puntate per l'integrazione

Oggi sarà pubblicata on line la terza ed ultima parte del video che racconta la storia de “La Signora Stordita” tratta dal volume di fiabe di Marino Muratore e pubblicata da Erga Edizioni di Genova. Al progetto partecipa la associazione RiCreArti con Gabriela Diaz, originaria del Venezuela, che ha curato la versione spagnola della fiaba – dal titolo La Señora Desastre - e che è anche segretaria del Colidolat, il Coordinamento Ligure Donne Latinoamericane. La collaborazione per la lettura bilingue del testo era già nata come laboratorio dell’educazione alla mondialità durante la manifestazione SUQ al Porto Antico di Genova e, con l’arrivo dell’emergenza Covid, prosegue per la rete ACT con la realizzazione di questo video.

Marino Muratore, autore di libri per l’infanzia, collabora da anni con la comunità sudamericana di Genova per la realizzazione di molti progetti sociali e culturali. Con il Coordinamento delle Donne Latino-Americane, l’associazione araba Al Mohammadia, il Centro Culturale Islamico di Genova e l’Arci Ragazzi ha contribuito alla realizzazione del progetto “Affido familiare omoculturale”, prima esperienza italiana di accoglienza di bambini stranieri presso famiglie residenti a Genova ma appartenenti alla medesima cultura d’origine.

“Abbiamo fatto anche ricerca sui posti che La Señora Desastre incontra e sui piatti che cucina durante le sue avventure -ha detto Gabriela Diaz: la città di Machal, ad esempio. E’ bello che sia gli italiani sia i latinoamericani che sono in Italia – magari di seconda generazione – conoscano questi posti descritti alla fine del libro”. La pubblicazione del libro, con illustrazioni di Martina Muratore e prefazione di César Ochoa Chávez, ha avuto lo scorso anno il patrocinio di Martha Lorena Fierro Baquero, console generale dell’Ecuador a Genova e di Alejandro Ugarte, console generale della Repubblica del Perú a Genova.

Questo articolo è disponibile anche in: ES