/

David di Donatello a Il Traditore di Bellocchio, prodotto in parte in Brasile

“Il traditore” di Marco Bellocchio, e il suo interprete principale Pierfrancesco Favino, sono stati i grandi protagonisti della 65ª edizione dei Premi David di Donatello, diretti quest’anno da Carlo Conti. Il film racconta la storia di Tommaso Buscetta, mafioso pentito la cui collaborazione con la giustizia e in collaborazione con il giudice Giovanni Falcone ha portato alla stroncatura della mafia corleonese guidata da Toto Riina, ed è stato prodotto in parte in Brasile.

Buscetta, soprannominato anche il Boss dei due mondi, visse infatti lì parte della propria vita , sposando anche in terze nozze la brasiliana Cristina. La pellicola ha ottenuto il premio come Miglior Film e migliore sceneggiatura originale, mentre Favino ha vinto il premio come miglior attore protagonista e Luigi Lo Cascio come miglior attore non protagonista.

Questo articolo è disponibile anche in: ES