/  /

Amnesty: il Covid-19 rischia di far crescere disuguaglianze e vulnerabilità

In un rapporto, realizzato insieme alle associazioni Women’s Link Worldwide e la Federazione internazionale di pianificazione familiare, sezione occidentale (Ippf/Whr), Amnesty International inviato ai governi nelle Americhe una serie di raccomandazioni rispetto ai rischi specifici a cui sono esposte donne e ragazze nella pandemia da Covid-19.

“Donne e ragazze nelle Americhe si trovano già ad affrontare i peggiori dati di violenza domestica, sessuale e di genere a livello mondiale e ora, nel contesto della pandemia da Covid-19, la loro salute è ancora più a rischio. I nostri governi devono agire immediatamente per evitare un aumento della violenza di genere durante la crisi e poi impegnarsi a eliminare il problema per sempre“, ha dichiarato Erika Guevara-Rosas, direttrice di Amnesty International per le Americhe.

È essenziale che i governi agiscano con misure differenziate per garantire che la pandemia non accresca le disuguaglianze e le vulnerabilità già esistenti in quell’area. Chiediamo che si costituisca una roadmap per governi e altre autorità pubbliche locali e nazionali in termini di obblighi di diritti umani per proteggere diritti delle donne e delle ragazze durante la pandemia.

“I servizi per la salute sessuale e riproduttiva sono attualmente fuori dalla portata di molte donne e ragazze dell’area. Non possiamo permettere che tutto ciò continui: il contenimento del Covid-19 non rappresenta una scusa per abbandonarle, anzi è un motivo per dar loro priorità“, ha aggiunto Guevara-Rosas.

Questo articolo è disponibile anche in: ES