/  /

Ronaldinho ancora in carcere e la libertà si allontana

E’ trascorso già un mese dal suo arresto e Ronaldinho è ancora in carcere. L'ex fuoriclasse di Barcellona e Milan è stato arrestato il 4 marzo ad Asuncion, in Paraguay, con l'accusa di possesso di passaporto falso. Rilasciato in un primo momento, è poi stato nuovamente fermato insieme al fratello, Roberto De Assis e con lui è tornato in cella. Il tribunale ha infatti negato la richiesta dei domiciliari motivandola con il "pericolo di fuga" e la pandemia di Covid-19 sta ulteriormente allungando i tempi della giustizia.

Questo articolo è disponibile anche in: ES