/

Cadaveri ammucchiati per le strade Guayaquil

Guayaquil ha tutti i numeri per diventare l'epicentro del dramma pandemico in America Latina. Come spiega La Vanguardia, numerosi e terrificanti video registrati da cittadini e parenti delle vittime sono circolati nei giorni scorsi sui social network; La stragrande maggioranza è già stata contrastata e confermata dai media locali, nonostante il fatto che il presidente Lenin Moreno abbia inizialmente cercato di nascondere l'entità della crisi parlando di "false notizie". Alla fine, Moreno ha riconosciuto ieri la "gravità" della situazione. Nelle immagini, si possono vedere cadaveri che giacciono per le strade della capitale economica dell'Ecuador e pile di pile mortuarie.

Secondo La Vanguardia, l'opacità del governo ecuadoriano riguardo alla portata della pandemia rende difficile conoscere il numero reale di quelli infetti e uccisi dal coronavirus, perché il sistema sanitario è già stato travolto nella provincia costiera di Guayas e causa di morte. Mentre il Ministero della Salute ha riconosciuto 120 defunti e 3.163 positivi fino a ieri, le informazioni giornalistiche parlano di centinaia di morti.

 

Questo articolo è disponibile anche in: ES

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] Da dove abito io sono circa 700 chilometri, è una città-chiave per l'economia e il commercio. Tutti abbiamo visto quelle immagini strazianti. Mi hanno fatto molto […]

I commenti sono chiusi.