/

Sangregorio (Usei): "È il momento di comprare italiano"

“Sono convito che il governo si stia muovendo bene. L'Unità di crisi della Farnesina sta facendo un grande lavoro per cercare di aiutare tutti i connazionali bloccati all'estero. Da quando è scoppiata l'epidemia del coronavirus stanno organizzando voli per riportare a casa gli italiani in difficoltà. Quello che mi preme far notare è che in un momento così difficile è fondamentale essere tutti uniti. I partiti devono dialogare e collaborare nel trovare insieme le soluzioni migliori. Uniti ce la possiamo fare”. Così a 9colonne Eugenio Sangregorio, deputato eletto in Sudamerica e presidente dell’Usei, Unione Sudamericana Emigrati Italiani, partito da lui fondato nel 2006. Classe 1939, Sangregorio è originario della provincia di Cosenza che ha lasciato nel 1957 per emigrare in Argentina dove è diventato imprenditore del settore immobiliare e della costruzione. E da imprenditore guarda così alle conseguenze economiche del coronavirus: “Lo scenario in questo momento è piuttosto difficile dal punto di vista economico, a causa della pandemia le aziende hanno dovuto chiudere, mi sembra che il Governo sia dalla parte della gente, degli imprenditori. Stanno varando delle misure per aiutare i cittadini. Certo per l'economia globale questa è una terza guerra mondiale, la crisi continuerà ad aggravarsi per un po' di tempo, ma se la politica lavorerà insieme, noi italiani riusciremo a risollevarci come abbiamo sempre fatto. Ora più che mai servono delle misure forti, concrete delle scelte politiche al di fuori da ogni schema”.

Sono in tanti in questi giorni a lanciare un appello ai cittadini: comprate italiano. “In questo momento è fondamentale, io sono sempre stato un grande sostenitore del Made in Italy – spiega Sangregorio a 9colonne - ma ora le nostre aziende hanno bisogno di essere sostenute da tutti. L'italia è un popolo che produce tutto, i nostri prodotti sono tra i migliori al mondo, in più sono certificati dal punto di vista della qualità. E' necessario in questo momento avere senso di responsabilità e aiutare i nostri produttori, solo così faremo girare ancora l'economia e riusciremo ad alzarci da questa crisi. Riscopriamo insieme la nostra cultura”.

“Gli italiani all’estero – secondo Sangregorio - una volta finita l’emergenza coronavirus potranno essere d’aiuto a promuovere il made in italy nel mondo: “Da sempre dico che noi italiani all'estero siamo i veri ambasciatori nel mondo del Made in Italy. Chi più di noi può parlare bene del nostro Paese e ama comprare prodotti che vengono dall'Italia?” racconta Sangregorio a 9colonne. “Devo sottolineare con molto orgoglio - conclude - che l’ Argentina, vedendo quello che stava succedendo in Italia, ha deciso di comportarsi nello stesso modo, prendendo gli stessi provvedimenti. Se noi bloccheremo in tempo la pandemia sarà grazie all'esempio dell'italia. Se non è fiducia questa...”.

Questo articolo è disponibile anche in: ES