/

Arrestato latitante che gestiva grosso traffico di cocaina

È stato fermato nella città di Manta, in Ecuador, Serafino Rubino, noto narcotrafficante campano ricercato da giugno 2018 e destinatario di una misura di custodia cautelare in carcere del gip di Reggio Calabria. L'uomo è stato rintracciato grazie alle indagini della Guardia di Finanza di Napoli, in collaborazione con l'Ufficio dell'esperto per la sicurezza presso l'Ambasciata italiana a Bogotà e la Direzione centrale per i Servizi Antidroga.

Rubino è stato individuato nell'ambito di un'indagine condotta dal G.I.C.O. di Napoli su un traffico internazionale di cocaina proveniente dal Sud America, in cui sarebbero coinvolti anche indagati campani.

Serafino Rubino, secondo quanto emerso dalle indagini svolte a suo tempo dal Nucleo di Polizia economico-finanziaria di Catanzaro nell’ambito operazione “Hermes 2016” e culminate nel provvedimento di cattura emesso dal Tribunale di Reggio Calabria, avrebbe gestito un grosso traffico internazionale di cocaina insieme alla compagna del boss della mafia catanese Salvatore Cappello detto "Turi”.

Attraverso trattative dirette con i narcotrafficanti sudamericani il Rubino avrebbe “piazzato” la cocaina a diversi acquirenti in Italia, tra i quali anche alcune cosche di ‘ndrangheta di primo piano come quella dei “Pelle-Vottari” di San Luca.

Questo articolo è disponibile anche in: ES