/

La Cooperazione internazionale sostiene la gestione delle frontiere

Si chiama Eurofront ed è il nuovo progetto a sostegno della gestione delle frontiere in America Latina. Il programma, presentato a Bruxelles, riceverà un finanziamento europeo di 15 milioni di euro in quattro anni. Ne dà notizia l'Iila, l'Organizzazione internazionale italo-latinoamericana, nella sua newsletter.

È un'iniziativa che contribuirà alla sicurezza e ad una maggiore protezione dei diritti umani, così come allo sviluppo sociale ed economico, attraverso il rafforzamento delle capacità operative delle forze di polizia che si occupano delle frontiere, prestando particolare attenzione ai traffici più pericolosi che caratterizzano l’America Latina, compreso il controllo dei flussi migratori.

Eurofront ha due componenti. Il primo componente rafforza le capacità di gestione integrata delle frontiere ed è gestito dall’Organizzazione internazionale italo-latinoamericana, dalla Fundación Internacional y para Iberoamérica de Administración y Políticas Públicas (FIIAPP) insieme all’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM) ed è inoltre supportato da Frontex e dai servizi di frontiera di Portogallo, Lituania e Polonia.

Il secondo componente si centra sulla lotta alla tratta e al traffico di esseri umani ed è gestito dall’OIM. Il progetto si concentrerà su quattro frontiere pilota condivise da 7 paesi dell’America Latina: Argentina, Paraguay, Brasile, Perù, Ecuador, Colombia e Bolivia.

Eurofront è il primo programma dell’Ue gestito direttamente dall’Iila come organismo delegato per la cooperazione europea, dopo essere stato accreditato come organizzazione che soddisfa i requisiti tecnico-amministrativi necessari per la gestione di programmi di questa portata.

Questo articolo è disponibile anche in: ES