/

La protesta torna sulle facciate dei centri culturali di Santiago

La facciata del Centro Culturale Gabriela Mistral (GAM) di Santiago del Cile è tornata a mettere in mostra, la mattina di giovedì, innumerevoli manifesti e scritti che alludono alle proteste sociali in Cile. Nella notte tra mercoledì e giovedì, dozzine di artisti e cittadini comuni hanno ridipinto la facciata del Gam dopo che erano state cancellate le centinaia di slogan e manifesti collocate durante gli oltre quattro mesi di manifestazioni sociali. La stessa cosa è avvenuta sulla facciata dell’Alameda Art Center, ed entrambi i centri culturali hanno tenuto a precisare in via ufficiale che le “opere” non erano assolutamente organizzate dallo staff”. Le facciate del GAM e dell'Alameda Art Center, situate in una delle aree di maggiore confronto nelle proteste popolari di Santiago, in questi mesi sono state coperte da innumerevoli manifesti, scritti e disegni riguardanti le numerose richieste sociali che i cileni rivendicano ormai da metà ottobre, nel rifiuto del modello neoliberista e delle disuguaglianze da esso prodotte.

Questo articolo è disponibile anche in: ES