/

Export, i paesi più promettenti per il made in Italy

C'è anche il Perù tra i paesi più promettenti per l'export italiano. Il paese latinoamericano compare infatti insieme ad altri paesi extra europei come Cina, Giappone, India, Malesia e Vietnam, Marocco e Qatar, nel Rapporto Export Update 2019-2022 realizzato dall'ufficio studi di Sace Simest che delinea i paesi su cui puntare nei prossimi anni.

In Perù - si legge in un comunicato - le prospettive sono positive per i macchinari, sia per l’industria agro-alimentare, sia per quella tessile, poiché sta tentando di riposizionarsi su una fascia più alta di mercato sfruttando le pregiate materie di cui dispone, quali fibre di alpaca e vigogna, nonché cotoni di ottima qualità, ma ha bisogno di tecnologie produttive più avanzate.

Ma oltre al Perù, secondo Sace Simest, tra i mercati da tenere sotto osservazione c'è il Brasile: sulla scia di un percorso di crescita iniziato nel 2017 infatti, l’export italiano nel settore – in particolare di ferro e acciaio – destinato al Paese sudamericano dovrebbe proseguire la buona dinamica, guidato dall’espansione infrastrutturale del Paese.

Questo articolo è disponibile anche in: ES