/

Bárcena (Cepal): "Trasformare i privilegi in diritti"

"Trasformare i privilegi in diritti per porre fine alla disuguaglianza, alla povertà e alla migrazione, che oggi sono alla base del disincanto sociale nella regione". Lo ha detto la segretaria esecutiva della Commissione economica per l'America Latina e i Caraibi (Cepal) Alicia Bárcena durante una conferenza chiave tenutasi nel quadro del Forum regionale del Sistema de la Integración Centroamericana (Sica) 2019, tenutosi fino a giovedì a El Salvador.

L'alto funzionario delle Nazioni Unite ha fatto una presentazione intitolata "Integrazione regionale e prospettive per lo sviluppo dell'America centrale", in cui ha sottolineato l'importanza di attuare un nuovo modello di sviluppo e di trovare nuove rotte che consentano ai paesi di abbinarsi di crescere e crescere per abbinare.

"Quanto durerà la cultura del privilegio, della corruzione e della disuguaglianza? Il disincanto, la rabbia è a un punto di rottura per quanto riguarda la continuità di un modello associato a tre decenni di concentrazione di ricchezza e deterioramento ambientale con crescita insufficiente. Oggi non esiste alcuna legittimità del modello di sviluppo che stiamo vivendo e i giovani lo sanno, per questo sono nelle strade che si manifestano".

Questo articolo è disponibile anche in: ES