/

Assange, l'ambasciata spiata dagli Usa

"Julian Assange, tutti i giornalisti di WikiLeaks e ogni singolo avvocato, reporter, politico, artista, medico che abbia fatto visita al fondatore di WikiLeaks nell'ambasciata dell'Ecuador negli ultimi sette anni è stato oggetto di uno spionaggio sistematico e totale. Le conversazioni sono state registrate, filmate e tutte le informazioni sono state trasmesse all'intelligence americana". È quanto denuncia Stefania Maurizi de La Repubblica che è stata "non solo filmata e dossierata, ma con i cellulari smontati, presumibilmente alla ricerca del codice Imei che consente di identificare un telefono al fine di intercettarlo. Le spie hanno anche prelevato le nostre chiavette Usb", scrive ancora la giornalista.

L'Alta Corte spagnola ha aperto un'indagine contro l'azienda spagnola Uc Global con a capo David Morales ora perquisito e arrestato. L'azienda di security era stata scelta dal governo dell'Ecuador, allora presidente Rafael Correa. Ma "secondo quanto raccontano alcuni dei suoi ex dipendenti diventati testimoni nell'inchiesta contro di lui, Morales si mise al servizio degli americani per spiare il fondatore di WikiLeaks e tutti i suoi visitatori".

"Le operazioni - scrive ancora la giornalista - subirono una vera e propria escalation dopo l'arrivo al potere di Donald Trump, quando Uc Global installò nell'ambasciata nuove telecamere capaci di registrare non solo le immagini, ma anche le conversazioni in modo da poter carpire ogni dialogo all'interno dell'edificio".

"Nel corso di questi anni, abbiamo tenuto i nostri incontri con Mr. Assange all'interno dell'ambasciata ed erano protetti dalla relazione cliente-avvocato alla base della tutela del diritto alla difesa. Ma ora vediamo che quegli incontri erano spiati - dichiara a Repubblica uno dei legali spagnoli di Julian Assange, Aitor Martinez - Visto quanto accaduto, è chiaro che l'estradizione negli Usa di Assange deve essere negata. Speriamo che la Giustizia inglese capisca presto la gravità di questi fatti e neghi l'estradizione".

Questo articolo è disponibile anche in: ES